Dirigenza

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

FUNZIONIGRAMMA

La scuola è una comunità, con precise responsabilità, che presuppoongono  forme concrete di coinvolgimento di tutti i suoi “attori.  La presenza di tre plessi distanti uno dall’altro e la complessità della gestione delle varie attività didattiche, curriculari ed extracurricolari,  amministrative  contabili,  necessitano della collaboorazione di figure di riferimento con precise deleghe riferibili a diverse aree di gestione e di quella  di tutti gli organi di governo della scuola, riconosciuti come parte attiva, capace di autonome proposte, a sostegno delle tante iniziative che arricchiscono la comunità scolastica.

A tale scopo il 69° Circolo didattico si avvale di un articolato organigramma, che consente la gestione dei tre plessi scolastici, dei rapporti con le varie componenti della scuola, con le famiglie e con il territorio: staff di presidenza e altre figure interne alla scuola, organi collegiali (Consiglio di Circolo -  Collegio Docenti - Giunta esecutiva - Consigli di interclasse  e intesezione)

 

  • Il Consiglio di Circolo è l’organo di auto-governo della scuola,  rappresentativo di tutte le componenti: docenti, genitori,  personale ata, oltre al dirigente scolastico (membro di diritto).  Ha il compito prioritario di approvare il piano triennale dell’offerta formativa ed il relativo “programma annuale”, cioè il bilancio della scuola. E’ presieduto da un genitore.
  • Il Collegio dei Docenti è l’organo tecnico-scientifico, responsabile della programmazione della didattica, sulla base delle Linee di Indirizzo del Dirigente Scolastico. E’ presieduto dal Dirigente scolastico
  • La Giunta Esecutiva prepara il lavoro del Consiglio predispone il programma annuale e il conto consuntivo, prepara i lavori del Consiglio di Istituto, esprime pareri e proposte di delibera, cura l’esecuzione delle delibere, propone al C.d.I. il programma delle attività finanziarie allegando un’apposita relazione e il parere di regolarità contabile del Collegio dei Revisori, predispone il materiale necessario alla corretta informazione dei Consiglieri.
  • I Consigli di Interclasse  e di Intersezione hanno il compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all'azione educativa e didattica e quello di agevolare i rapporti tra docenti, genitori ed alunni. Sono formati dai docenti delle classi/sezioni e da un genitore per ogni classe/sezione  eletto all’inizio di ogni anno scolastico.     
  • Staff di Presidenza: lo staff di presidenza è formato, oltre che dal dirigente scolastico, dai suoi collaboratori, dai coordinatori di plesso, dalle “Funzioni strumentali” elette dal Collegio dei Docenti, e da quelle “figure di sistema” richieste, alla luce della complessità dei compiti e delle responsabilità della scuola. Opera attraverso deleghe e nomine da parte del dirigente o elezioni del Collegio dei docenti ed è corresponsabile insieme con il dirigente scolastico dell’organizzazione didattica e della gestione della scuola e dei plessi.

 

 

 

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof.ssa Esposito Maria

E’ l’organo di sintesi tra l’amministrazione dello Stato e  l’autonomia della scuola, responsabile dei risultati e della legittimità degli atti.

  • Assicura la gestione unitaria dell’istituto
  • È il legale rappresentante
  • È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio
  • Assicura la gestione unitaria dell’istituzione
  • Organizza l’attività scolastica secondo criteri di efficienza e di efficacia formative
  • È titolare delle relazioni sindacali
  • Presiede la giunta esecutiva e il Collegio dei docenti
  • Promuove gli interventi per assicurare la qualità dei processi formativi
  • Promuove la collaborazione delle risorse culturali, professionali, sociali ed economiche del territorio
  • Adotta provvedimenti di gestione delle risorse e del personale Docente
  • Esercita la funzione di direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane (assegnatagli dal c. 16 dell’art. 21 della Legge 59/97, come attuato dall’art. 25 bis del D.L. 59 6/3/98, dall’ art. 25 D.lvo 165/2001)

Il Direttore dei Servizi Generali Amministrativi

Dott.ssa Antonietta Taranto

Funzioni amministrative, contabili, gestionali, strumentali, operative e di sorveglianza connesse all'attività della istituzione scolastica.

  • Sovrintende, con autonomia operativa, (art. 25 comma 6 D.L.vo 165/2001 – CCNL 24/07/2003 tab.A).ai servizi generali amministrativo-contabili e ne cura l’organizzazione svolgendo funzioni di coordinamento, promozione delle attività e verifica dei risultati conseguiti.
  • Dirige, controlla, organizza il personale ATA, nell’ambito delle direttive del Dirigente Scolastico.
  • Sovrintende, con autonomia operativa, ai servizi generali amministrativo-contabili e ne cura l'organizzazione.
  • Coordina, promuove attività e verifica i risultati conseguiti dal personale ATA posto alle sue dirette dipendenze
  • Formula, all'inizio dell'anno scolastico, una proposta di piano di lavoro in coerenza con gli obiettivi deliberati dal POF-T e con la normativa vigente, in particolare con l’art. 52 del CCNL;
  • Conferisce al personale ATA, dopo l’adozione del piano di lavoro da parte del Dirigente scolastico (art. 52 comma 3 CCNL 2003), incarichi di natura organizzativa nell’ambito del piano delle attività contrattate tra Dirigente e RSU, stabilendo  eventuali prestazioni eccedenti il normale orario di lavoro;
  • Svolge con autonomia operativa e responsabilità diretta attività di istruzione, predisposizione e formalizzazione degli atti amministrativi e contabili
  • Elabora il “Programma Annuale”, di concerto col DS, da sottoporre, per l’approvazione, al Consiglio di Istituto, previa verifica da parte dei “Revisori dei Conti”.
  • E’ funzionario delegato, ufficiale rogante e consegnatario dei beni

 

Collaboratore Vicario
 

 Ins. Di Marco Maria Rosaria

- Collabora con il Dirigente Scolastico per la gestione unitaria del Circolo e

   fruisce di deleghe in caso di assenza  esercitandone tutte le funzioni anche negli

   organi Collegiali, redigendo atti, firmando documenti interni, curando i rapporti

   con l'esterno.

  • Rappresenta il DS nelle occasioni in cui venga espressamente delegato.
  • Partecipa allo staff di presidenza
  • Collabora con il Dirigente scolastico nell’ ottimizzazione delle risorse e in generale delle infrastrutture
  • Collabora nella predisposizione delle circolari ed ordini di servizio.
  • Supporta il Dirigente Scolastico negli aspetti organizzativi ed operativi collegati alle attività didattiche
  • Cura con il Dirigente scolastico i rapporti con docenti, personale ATA, alunni e famiglie
  • Provvede per comunicazioni urgenti a: docenti, personale, alunni e famiglie
  • Controlla il rispetto del Regolamento di Circolo e del Patto educativo di corresponsabilità
  • Attua le delibere degli Organi Collegiali
  • Elabora il calendario delle attività collegiali
  • Predispone con il Dirigente Scolastico l’ordine del giorno delle riunioni degli Organi Collegiali
  • Controlla i materiali e gli strumenti per l’attuazione del POF-T e per la gestione delle valutazioni quadrimestrali degli alunni

2° Collaboratore del dirigente

Ins. Bamabacaro Maria Rosaria

  • Partecipa allo staff di presidenza
  • Sostituisce il  DS in caso di assenza del collaboratore vicario
  • Rappresenta il DS nelle occasioni in cui venga espressamente delegato
  • Svolge la funzione di Segretario del Collegio Docenti
  • Attua le deliberazioni degli Organi Collegiali
  • Cura le sostituzioni dei Docenti
  • Cura con il Dirigente scolastico i rapporti con i Docenti
  • Controlla il rispetto del Regolamento di Circolo e del Patto educativo di corresponsabilità
  • Provvede alle comunicazioni urgenti riguardanti docenti, personale, alunni e famiglie.
  • Controlla i materiali e gli strumenti per gestione delle valutazioni quadrimestrali degli alunni
  • Controllo dell'attuazione di Progetti POF-T e PON del Circolo e gli aspetti organizzativi ad essi legati
  • Cura il registro dei reclami

Coordinatori di plesso

 

Plesso Stefano Barbato:

Scuola  Infanzia

 Ins. Bergamasco Mariarosaria

Primaria

Ins. Sovereto Loretta

Ins. Accardo Emilia

Plesso Santa Maria del Pozzo

Scuola Infanzia

Ins. Spina Luisa

Ins Covino Rachele

Scuola Primaria

Ins. Guastafierro Giovanni

Ins. Boccia Francesco

  • Partecipano allo staff di presidenza
  • Operano su delega del Dirigente Scolastico, nelle sedi della Scuola.
  • Sostituiscono il collaboratore vicario in caso di sua assenza
  • Curano le sostituzioni dei Docenti
  • Curano l’attuazione del Regolamento di Istituto, Carta dei servizi, Patto Educativo di Corresponsabilità
  • Coordinano i rapporti tra il personale in servizio nel plesso di competenza e gli uffici di segreteria e presidenza.
  • Provvedono alle comunicazioni urgenti scuola-famiglia
  • Diffondono le circolari - comunicazioni - informazioni al personale in servizio nel plesso e controllano le firme di presa visione.
  • Collaborano all'organizzazione del servizio di vigilanza alunni nei vari momenti della giornata scolastica.
  • Supportano il Dirigente scolastico e i collaboratori del dirigente nel curare la gestione e l’organizzazione  funzionale.
  • Controllo e gestione dell'inventario del plesso.
  • Controllano i materiali e gli strumenti per gestione delle valutazioni quadrimestrali degli alunni
  • Curano il registro dei reclami

Presidenti/Coordinatori del Consiglio di Intersezione e di interclasse
Bilancione Daniela, Cacace M. Antonietta, Napoli Anna, Granato Carmela, Accardo Emilia, Marino Rosa.

  • Presiedono e verbalizzano le riunioni del Consiglio di interclasse e intersezione
  • Curano il coordinamento didattico del consiglio di interclasse e promuovono le riunioni necessarie
  • Curano la documentazione per la didattica e la valutazione degli alunni
  • Informano i docenti e i rappresentanti dei genitori sull’andamento delle classi e di tutte le attività programmate
  • Promuovono omogeneità di scelte metodologiche
  • Promuovono l’intesa tra i docenti della medesima interclasse per la stesura di prove comuni
  • Promuovono tra i colleghi il più ampio scambio di informazioni e di riflessioni
  • Collaborano per l’attuazione del piano di evacuazione
  • Trasmettono alla funzione strumentale Gestione del POF-T le proposte di miglioramento suggerite dai docenti di classe

Comitato per la valutazione dei docenti

 

Introdotto dalla Legge 107/2015 per la valutazione dei docenti  è di durata triennale. E’ formato da:

 2 insegnati: Barbato Colomba, Guastafierro Giovanni eletti dal Collegio dei docenti

 1 docente Marino Annamaria

2 genitori:, sig.ra Mazzone Marzia sig-ra Velotta Stella eletti dal Consiglio di Circolo.

E’ presieduto dal DS

 

  • Elabora i criteri per la valorizzazione del merito sulla base a) della qualità dell’insegnamento e del contributo al miglioramento dell’istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti; b) dei risultati ottenuti dal docente o dal gruppo di docenti in relazione al potenziamento delle competenze degli alunni e dell’innovazione didattica e metodologica, nonché della collaborazione alla ricerca didattica, alla documentazione e alla diffusione di buone pratiche didattiche; c) delle responsabilità assunte nel coordinamento organizzativo e didattico e nella formazione del personale.
  • Esprime altresì il proprio parere sul superamento del periodo di formazione e di prova per il personale docente ed educativo. A tal fine il Comitato è composto dal dirigente scolastico, che lo presiede, dai docenti di cui al comma 2, lettera a) ed è integrato dal docente a cui sono affidate le funzioni di tutor.
  • Valuta il servizio di cui all'articolo 448 su richiesta dell'interessato, previa relazione del dirigente scolastico; nel caso di valutazione del servizio di un docente componente del comitato, ai lavori non partecipa l'interessato e il consiglio di istituto provvede all'individuazione di un sostituto.
  • Esercita altresì le competenze per la riabilitazione del personale docente, di cui all'articolo 501

 

Le funzioni strumentali

 

La loro azione è indirizzata a garantire la realizzane del PTOF il suo arricchimento anche in relazione con enti e istituzioni esterne.

 

I docenti incaricati di Funzione Strumentale (F.S.) si occupano di quei particolari settori dell'organizzazione scolastica per i quali si rende necessario razionalizzare e ampliare le risorse, monitorare la qualità dei servizi e favorire formazione e innovazione. Partecipano alle riunioni dello staff di Dirigenza

  • Seguono l’iter comunicativo tra Dirigenza/ segreteria/ personale docente e ATA
  • Coordinano l'organizzazione delle riunioni attinenti al proprio ambito
  • Realizzano iniziative perseguendo le finalità dichiarate nel POF-T
  • Cooperano con il DS, i collaboratori, i referenti di plesso, le altre Funzioni strumentali , i coordinatori di classe  nonché con le varie componenti dell'istituzione al fine di migliorare effettivamente ed efficacemente  la qualità del servizio scolastico;
  • Svolgono il proprio incarico  in ore libere da impegni di servizio non essendo prevista alcuna riduzione dell'orario per la funzione svolta. Fanno eccezioni alcune situazioni ( es. convocazione da parte di Enti ) che dovranno essere  concordate preventivamente con il DS.

        AREA 1:

 

GESTIONE DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

 

Gestione del Piano dell’Offerta Formativa

Funzioni fondamentali:  Pianificare Coordinare, verificare, valutare le attività del piano formativo.

Cozzolino Immacolata

Todisco Irene

  • Elaborazione, aggiornamento, pubblicizzazione  Piano dell’Offerta Formativa;
  • Realizzazione del prospetto sintetico POF-T   per le famiglie
  • Progettazione, pianificazione coordinamento,  monitoraggio, verifica e valutazione dei progetti curricolari ed extracurricolari del POF-T;
  • Pianificazione, monitoraggio, valutazione e pubblicizzazione dei progetti PON/POR
  • Revisione - aggiornamento del Regolamento di Circolo,  Carta dei Servizi,  Patto educativo e di corresponsabilità con relativa sintesi per le famiglie (in collaborazione con la FS 5 )
  • Elaborazione produzione attività interne all’istituzione.
  • Produzione, raccolta, diffusione di materiali didattici (in collaborazione con la FS 5 )
  • Elaborazione proposte orario (in collaborazione con la commissione POF-T).
  • Promozione e costruzione di reti di scuole
  • Monitoraggio del lavoro di commissioni, gruppi, tutor, referenti progetti.
  • Monitoraggio e valutazione delle attività del POF-T in ingresso, itinere e finale (in collaborazione con la commissione POF-T).
  • Diffusione e archiviazione della documentazione relativa alla propria area.

           AREA 2:

INTEGRAZIONE DISPERSIONE DISAGIO E CONTINUITÀ

 

 

Funzioni fondamentali: 

Coordinamento e gestione delle attività relative a:  integrazione, prevenzione della dispersione scolastica e del disagio, continuità educativa e didattica.

Cacace M. Antonietta

Masullo Angelina

  • Diffondere  la cultura dell’integrazione
  • Accogliere alunni neo arrivati
  • Accoglie i genitori degli alunni neo arrivati
  • Organizza il Protocollo di accoglienza e di inserimento alunni stranieri nelle classi
  • Vigila sugli alunni
  • Rileva situazioni di disagio, problemi di studio/apprendimento, svantaggio,  attraverso un continuo monitoraggio nelle classi/sezioni
  • Individua  modalità/strategie di prevenzione/soluzione
  • Collabora con  i docenti, in particolare con la F. S. area 3, per affrontare le difficoltà e assicurare a tutti gli studenti esperienze di successo formativo.
  • Monitoraggio delle assenze e report mensile delle stesse
  • Monitoraggio dispersione scolastica e report mensile delle stesse
  • Rapporti con le strutture sociali
  • Coordinamento commissione continuità
  • Coordinamento attività di continuità fra i diversi ordini di scuola: infanzia/ primaria/scuola superiore di primo grado
  • Organizza  incontri tra la scuola e le famiglie degli studenti delle classi ponte  per favorire la conoscenza della nuova realtà scolastica
  • Calendarizza e regolamenta gli incontri di continuità
  • Accoglie i docenti neo assunti con relativa informazione sulle finalità, sulla struttura organizzativa e sulle modalità operative dell’istituzione scolastica.

          AREA 3:

INCLUSIONE E SOSTEGNO ALUNNI BES

 

 

Funzioni fondamentali: Rilevazione, supporto e sostegno alunni BES

      Marino Annamaria

  • Diffondere  la cultura dell’inclusione
  • rilevazione degli alunni BES presenti nel Circolo
  • Mappatura degli alunni BES del Circolo individuandone la  tipologia
  • Curare l’accoglienza e l’inserimento degli studenti con bisogni speciali
  • Promuovere attività di sensibilizzazione e di riflessione didattico/pedagogica per coinvolgere e impegnare l’intera comunità scolastica nel processo di inclusione
  • Concordare con il Dirigente Scolastico la ripartizione degli insegnanti e delle ore di sostegno per ciascun alunno
  • Valorizzazione delle risorse esistenti
  • Concordare con il DS l' acquisizione e la distribuzione di risorse aggiuntive utilizzabili per la realizzazione dei progetti di inclusione
  • collaborazione con il DSGA per la gestione degli operatori addetti all’assistenza specialistica
  • Coordinare  i GLH 
  • Comunicare progetti e iniziative a favore degli studenti con bisogni speciali
  • Curare i rapporti con  Enti e strutture esterne 
  • Curare i rapporti con servizi sociosanitari territoriali.
  • Curare i rapporti con i CTI 
  • Curare le fasi di transizione che scandiscono l’ingresso nel sistema scolastico, la continuità tra i diversi ordini di scuola 
  • Rilevare bisogni formativi dei docenti, proporre la partecipazione a corsi di aggiornamento e di formazione sui temi dell’inclusione
  • Offrire consulenza sulle difficoltà degli studenti con bisogni speciali
  • Collaborazione con i docenti per la stesura dei PDP del PDF e del PEI

AREA 4:

  “Implementazione ed utilizzo nuove tecnologie

 

Funzioni fondamentali utilizzo delle nuove tecnologie gestione sito web e formazione docente

gestione  laboratori

Boccia Francesco

Guastafierro Giovanni

  • Coordinare e supportare  l'implementazione delle  nuove tecnologie
  • Coordinare e supportare  la gestione del sito .
  • Coordinare e facilitare la comunicazione e la documentazione
  • Potenziare e velocizzare le comunicazioni intra ed extra scolastiche attraverso il sito della scuola e l'uso della posta elettronica
  • Favorire, coordinare, supportare, l’informatizzazione delle comunicazioni interna ed esterna
  • Promuovere un sempre maggiore uso delle Nuove Tecnologie da parte di tutti i docenti
  • Favorire l'uso delle nuove tecnologie nella didattica, in particolare l’uso della LIM;
  • Sostegno al lavoro docente in accordo con la commissione POF;
  • Individuare  i bisogni formativi dei docenti;
  •  Gestire il piano di formazione-aggiornamento e coordinamento dell’utilizzazione delle nuove tecnologie.
  • Documentazione didattico multimediale a sostegno delle attività didattiche laboratoriali e curriculari;
  • Offrire supporto logistico alla realizzazione di progetti;
  • Manutenzione ordinaria della strumentazione informatica presente nei laboratori;
  • Intervenire  per la soluzione di piccoli problemi rilevati nell’utilizzo del materiale  informatico
  • Consulenza tecnica sulla rete informatica della scuola per uso amministrativo e didattico e sicurezza informatica;
  • Gestione fotocopiatrici;
  • Coordinamento e cura dei laboratori  (biblioteca, scienze, informatica)
  • Manutenzione dei laboratori di scienze ed informatica e multimedialità;
  • Inventariato del materiale presente nei laboratori: biblioteca, scienze, informatica
  • Predisposizione di strumenti di monitoraggio per la rilevazione dell’uso dei laboratori
  • Consulenza acquisti.
  • Gestione dei servizi in rete informatica.
  • Aggiornamento del regolamento della gestione dei laboratori anche in relazione alla sicurezza e inserirli nel regolamento di Circolo che verrà sottoposto all’approvazione degli organi competenti

  AREA 5:

                                                        QUALITÀ AUTOVAL UTAZIONE E MIGLIORAMENTO

Funzioni fondamentali favorire la diffusione della cultura della qualità finalizzata al miglioramento continuo dell’Istituzione Scolastica

Barbato Colomba

  • Partecipazione alla formazione e ai progetti promossi dal Polo Qualità di Napoli
  • Partecipazione a percorsi di formazione ed autoformazione
  • Individuazione e attuazione percorsi nell’ambito del potenziamento della Qualità
  • Implementazione e attuazione del  processo di miglioramento continuo dell’ organizzazione
  • Coordinamento e conduzione del Percorso di Autovalutazione INVALSI
  • Pianificazione e implementazione del Piano di Miglioramento INVALSI
  • Concordare con lo staff il Piano di Autovalutazione e Miglioramento
  • Diffondere a tutti i portatori di interesse il Piano di Autovalutazione e Miglioramento attraverso il piano di comunicazione
  • Rendicontare al collegio docenti lo stato di avanzamento dei lavori in relazione al  Piano di lavoro in itinere e finale
  • Curare e diffondere la documentazione relativa alla propria area
  • Revisionare le procedure e la modulistica
  • Predisporre e tabulare i questionari per rilevare  la soddisfazione
  • Predisporre e tabulare strumenti per migliorare i processi formativi
  • Monitorare e ripianificare le non conformità
  • Monitorare periodicamente il grado di soddisfazione e i bisogni dei docenti ;
  •  Valorizzare le risorse professionali ed umane dell’Istituto;
  •  Favorire la comunicazione e la collaborazione tra le varie figure professionali della scuola;
  • Avviare un percorso di confronto tra gli istituti;
  • Sviluppare un sistema di indicatori condiviso, capace di fornire dati confrontabili sui
  • risultati del sistema di istruzione e formazione;
  • Controllare la validità dei processi formativi interni ed esterni e predisporre interventi di miglioramento.

          AREA 6:

 

RAPPORTI CON IL TERRITORIO EVENTI ED USCITE DIDATTICHE

Schiavo Rosa

  • Selezionare le proposte provenienti dall’extra scuola, verificare la loro aderenza  al POF  e alle singole programmazioni disciplinari  e sottoporle al vaglio dei docenti.
  • Accogliere le esigenze formative e le proposte di uscite didattiche, visite guidate, viaggi di istruzione, partecipazione a concorsi e manifestazioni esterne a carattere sportivo, culturale, etc. avanzate per le varie classi sezioni e riportarle in un Piano da sottoporre all’approvazione degli Organi Collegiali e da inserire nel POF.
  • Valorizzare sul piano culturale, storico, sociale ed economico il proprio territorio, in relazione ad altre realtà.
  • Predisporre una modulistica di uso corrente per le uscite.
  •  Coordinare l’organizzazione delle uscite programmate, con i Responsabili di plesso e i Coordinatori di classe.
  • Raccogliere la documentazione relativa alle uscite effettuate (archivio).
  •  Stabilire e mantenere contatti con enti esterni.
  • Pianificare e organizzare gli eventi del Circolo
  • Coordinare le attività e gli interventi formativi con gli enti esterni
  • Aggiornamento del regolamento delle uscite, visite e viaggi di istruzione e inserirli nel regolamento di Circolo che verrà sottoposto all’approvazione degli organi competenti
  • Stabilire e curare i rapporti con Enti, istituzioni, associazioni e  agenzie educative, sportive e ricreative del territorio
  • Produrre e raccogliere in modo sistematico i protocolli di intesa stabiliti in accordo con il DS con Enti, Istituzioni, Associazioni e  Agenzie educative, sportive e ricreative del territorio
  • Creare il data base delle partnership dell’ istituzione

Altre figure  

 

  • ANIMATORE DIGITALE
  • REFERENTE LINGUA INGLESE E PROGETTI e-TWINNING
  • REFERENTE LEGALITA’
  • REFERENTE ALIMENTAZIONE
  • NUCLEO DI VALUTAZIONE
  • REFERENTE PROVE INVALSI

 

 

 

  • RSU: la  Rappresentanza Sindacale Unitaria tutela i diritti dei lavoratori nel luogo di lavoro, attraverso la contrattazione integrativa.

 


Allegati

Contatti